Home » Sudamerica » Solentimane: un tuffo nel Nicaragua più spirituale e artistico

Solentimane: un tuffo nel Nicaragua più spirituale e artistico

Solentimane
Solentiname significa “luogo di ospitalità”: un nome, un’attitudine. Siamo in Nicaragua e Solentiname è un arcipelago di 36 isolette (4 principali : Mancarroncito, Mancarrón, San Fernando e La Venada) che spuntano colorate e pacifiche sul Lago Cocibolca. 

Se desiderate immergervi in un’atmosfera tropicale lontana dai rumori, dalla folla e dagli agi cittadini, Solentiname è il luogo che fa per voi: l’accesso all’arcipelago è limitato, il rifornimento di energia elettrica non è costante e non tutte le abitazioni sono dotate di acqua corrente. 

 

particolare della decorazione della chiesa di Mancarrón

particolare della decorazione della chiesa di Mancarrón – foto | welshkaren

particolare della decorazione della chiesa di Mancarrón
foto | welshkaren
 
La storia di questi villaggi di pescatori e contadini inizia con il sacerdote (e poeta) Ernesto Cardenal quando portò nel 1966 il suo insegnamento religioso nella comunità. Gli isolani erano poveri e analfabeti ma riuscirono ad accogliere le sue parole con un fervore “pratico” (adattato cioè alle loro esigenze quotidiane): capirono che, per migliorare, dovevano tutti maturare, non solo dal punto economico, ma anche culturale. L’analfabetismo dilagante rese possibile la diffusione di pittura e scultura come mezzi più diretti per comunicare la spiritualità acquisita dall’ascolto di padre Cardenal (diventato addirittura Ministro della Cultura nel nuovo governo post rivoluzione sandinista). Oggi è possibile respirare quelle atmosfere alloggiando in una delle case-laboratorio degli artigiani, scegliendo magari la comunità storica di Cardenal, presso l’Hospedaje de la Comunidad de Solentiname. Per tutti i dettagli su una vacanza nell’arcipelago, per approfondire la storia di questa comunità, l’artigianato, la natura, consultate il bel sito Solentiname Tours.
La chicca: non sbagliate la pronuncia: è Solenti’name, non Solentina’me!
 
Quando andare: la stagione delle piogge è da maggio a dicembre, quindi sarebbe preferibile optare per i mesi della stagione secca. 
Come arrivare: da Managua, la capitale, via terra con un viaggio di 9 ore in autobus in partenza dal terminal Mayoreo (biglietto $7) o con un volo di 45 minuti con un piccolo aereo della compagnia La Costeña Airlines fino a San Carlos, cittadina sul Lago Cocibolca (biglietto $55). Una volta giunti a San Carlos, si procede con un viaggio di circa tre ore in barca verso una delle isole dell’arcipelago (barca pubblica, con orari molto “difficili” $10 A/R o privata $80-$120 A/R) . 
Dove dormire: attualmente vi sono 4 hotel, 3 a San Fernando e 1 a Mancarrón. 
 
news segnalata da stefanodav

POTREBBERO INTERESSARTI...

7 commenti

TuristadiMestiere 25 Gennaio 2012 - 21:13

@adri: hai ragione. Certe terre meravigliose devono addirittura trovarla ancora un po’ di pace!

Rispondi
Adriano Maini 24 Gennaio 2012 - 22:20

Quante sofferenze, in gran parte alle spalle, spero, di quella povera gente di quello che, in assenza di dittature, ingerenze straniere e guerre civili, é un Eden in terra, mi sono tornate alla mente!

Rispondi
TuristadiMestiere 24 Gennaio 2012 - 17:06

@tomaso: anniversario??? Corro da te a farti gli auguri!!!
@erika: hai centrato la questione: regala una serenità pazzesca un posto del genere, anche solo a guardare i disegni “infantili” su una parete!
@zio: anche io, ma non spargiamo troppo la voce, altrimenti vorranno venire tutti!!! 😛
@ambra: il tuo commento sintetizza perfettamente lo spirito del luogo, almeno quello che ha trasmesso a me!

Rispondi
Ambra 24 Gennaio 2012 - 14:52

Quei disegni naif così allegri e colorati invogliano ad una vacanza in un posto dove la vita deve avere qualcosa di autentico che da noi si è perduto.

Rispondi
Zio Scriba 24 Gennaio 2012 - 13:01

Meravigioso a cominciare dal nome. Mi ci voglio trasferire!! :-))

un abbraccio

Rispondi
Erika 24 Gennaio 2012 - 11:44

Che colori vivaci e che belle decorazioni. Deve essere veramente una splendida meta dove trascorrerre una vacnza serena e penso che non costi tanto soggiornarvi. Grazie a voi e a Stefano che conosco.A presto.Erika

Rispondi
Tomaso 24 Gennaio 2012 - 11:40

Come vedo oggi nonostante molto occupato per il nostro anniversario, eccomi per un saluto.Tomaso

Rispondi

Lascia un commento