Home » Asia » Singapore » Clarke Quay, la piccola Amsterdam di Singapore

Clarke Quay, la piccola Amsterdam di Singapore

Clarke Quay by day
Clarke Quay

Clarke Quay – foto di Andy Field (Hubmedia)

C’è un quartiere lungo il Singapore River che negli ultimi anni ha avuto un incredibile exploit come luogo della movida, del divertimento, della degustazione di sapori locali e della cucina internazionale di Singapore. Il Clarke Quay (dal nome del secondo governatore cittadino Andrew Clarke) era il molo di attracco delle navi cariche di merci da scaricare nei depositi collocati lungo il fiume.  

 

Clarke Quay

Clarke Quay – foto di hkfroggy

Il progetto di recupero dell’area, della seconda metà del ‘900, anche per la salvaguardia delle acque pesantemente inquinate, dispose lo spostamento del molo e dei  magazzini e il restauro delle strutture preesistenti. Ne è venuto fuori un gioiellino dall’alto valore storico, pieno di colori, luci e suoni, affacciato sul fiume, capace di catalizzare turisti da tutto il mondo ogni sera (insieme agli altri due quays – moli – Boat Quay e Robertson Quay). Caratteristiche sono le colorate shophouses e le tongkangs, imbarcazioni coloniali ristrutturate e adibite a ristorante.
 
Clarke Quay

Clarke Quay – foto di jofo2005 

 
La chicca: il venerdì (a seguire, il sabato) è il giorno in cui si concentra la maggior parte degli eventi, quindi se cercate la vera movida, dedicate questa serata al divertimento. La domenica è il giorno dedicato alle feste gay. Il mercoledì e il giovedì sono invece dedicati alle donne, il che vuol dire ingresso libero e spesso anche free drinks. Lunedì e martedì la maggior parte dei locali e dei ristoranti resta chiusa, mentre i bar lavorano regolarmente, garantendo agli avventori una serata più tranquilla. P.S.  il prezzo degli alcolici è molto elevato a causa della pesante tassazione applicata dal governo, il che implica un costo maggiorato delle bevande a base di alcol. Una birra da asporto costa circa $6, un cocktail in un locale di Clarke Quay, fino a $25! Esistono però dei ristoranti che vi consentono di portare il vino da casa, munitevi quindi di apri bottiglia e andate a cena (non vi ricorda la moda scoppiata a NY negli ultimi tempi? Leggete qui)! A dimezzare il consumo di alcol a Singapore è anche il divieto imposto ai musulmani dalla propria religione: troverete quindi una cultura del bere molto diversa da quella a cui siete abituati, ricordatevene, mi raccomando!

POTREBBERO INTERESSARTI...

6 commenti

Adriano Maini 27 Novembre 2011 - 20:51

Vogliamo aggiungere un Singapore Sling per completare il tutto? :))

Rispondi
Vele Ivy 27 Novembre 2011 - 11:06

Le tue informazioni sono sempre utili: ogni luogo ha la sua storia e le sue usanze, è importante tenerlo a mente per non trovarsi in situazioni spiacevoli. Del resto la bellezza del viaggiare è anche condividere usanze diverse dalle nostre.

Rispondi
clau 26 Novembre 2011 - 19:44

Adoro i tuoi consigli e le tue segnalazioni!Il luogo non sembra niente male!
Baci

Rispondi
TuristadiMestiere 26 Novembre 2011 - 16:41

@edo: grazie per i complimenti e grazie per la segnalazione del tuo video, mi è piaciuto e l’ho inserito subito!!!
@eva: sono certa che per te farebbero un’eccezione!!! 😉

Rispondi
Eva 26 Novembre 2011 - 16:34

Ciao cara, tutto bene?
Quindi se ci vado un aperitivo e basta?!
Baci!

Rispondi
Edo Passarella 26 Novembre 2011 - 14:29

IO ci trovai una birra favolosa 😉
http://www.youtube.com/watch?v=4ZSv975Hdxk

Bel blog. Lo seguirò con piacere. Ciao.
Edo

Rispondi

Lascia un commento