Home » Nordamerica » USA » Acoma Pueblo, un viaggio tra gli indiani d’America

Acoma Pueblo, un viaggio tra gli indiani d’America

Acoma Pueblo
Acoma Pueblo

Acoma Pueblo – foto di zaui

Se siete in viaggio negli Stati Uniti e vi trovate nel New Mexico, non potete trascurare una tappa davvero suggestiva. Su una mesa di arenaria che svetta per un centinaio di metri sul resto dell’altopiano, si trova il villaggio Acoma Pueblo, uno dei più antichi insediamenti indiani degli Stati Uniti abitati con continuità. Questa condizione è gli è valso l’iscrizione nel Registro nazionale dei Luoghi Storici. Ci troviamo a un’ora circa da Albuquerque e il villaggio può essere visitato con tour guidati che prevedono una tappa nel Centro Visitatori e nel Museo Haak’u.

 

Panorama da Acoma Pueblo

Panorama da Acoma Pueblo – foto di kenschneiderusa

Chiamato anche Sky City, Acoma è un luogo che merita una visita per il panorama stupendo sulla valle circostante e per la spiritualità che lo avvolge. Chiaramente si deve partecipare ai tours con la consapevolezza di entrare in una riserva solo grazie al benestare del Consiglio Tribale. Ciò comporta l’adeguamento a una serie di regole rispettose della dignità dei Pueblos. Non è consentito un abbigliamento troppo disinvolto, né l’uso indiscriminato della macchinetta fotografica (deve essere rilasciata una speciale autorizzazione e su alcuni luoghi vige l’assoluto divieto), né di staccarsi dal gruppo per vagare nel villaggio. Non sono ammessi animali né è consentito fumare. La chicca: vi consiglio di dare un’occhiata alla photo gallery. Foto, opere d’arte, artigianato locale, tutto contribuirà a raccontare la storia di questo straordinario popolo, fortemente legato alle proprie radici.  
particolare delle case

particolare delle case – foto di veesees

Orari del Centro Culturale e del Museo.
Inverno visite guidate alle 9.30, 10.30 e 11.30. Chiusura dal 10 novembre al 15 febbraio.
Estate visite guidate tutti i giorni dalle 9.30 alle 15.30 (con chiusura alle 17)
Come arrivare: da Albuquerque l’uscita è McCartys. Poi si deve prendere la Indian Service route 32 e la 38. Da Gallup l’uscita è Casa Blanca, quindi Paraje e poi la State Road 23.

POTREBBERO INTERESSARTI...

6 commenti

TuristadiMestiere 6 Novembre 2011 - 16:12

@ambra: è una tappa che, all’interno di un tour della zona, potrebbe far capire tante cose di una popolazione, oltre a permettere scorci pazzeschi!
@tizi: non dirlo neanche per scherzo: sognare ma realizzare!!! Manca un anno, c’è tempo per pianificare e per mettere due soldini da parte (che servono sempre!!!)
@ila: credo che certi luoghi si siano preservati solo grazie a regole molto ferree. E’ giusto rispettare le tradizioni di un popolo, la sua dignità e le sue esigenze, soprattutto se si è reso disponibile ad aprirsi all’esterno…
@exodus: spesso per molte popolazioni è l’unica fonte di sostentamento e di tutela della propria realtà (tipo le donne karen in thailandia). Coloro che fanno una tappa simile, lo fanno per conoscere e rispettare un popolo e la sua storia. Gli altri che partecipa a un tour come questo, credendo di andare allo zoo…beh, dovrebbero fare solo dietro-front
@adri: anche io!!!

Rispondi
Adriano Maini 4 Novembre 2011 - 23:45

Rivado sempre con passione alla storia ed all’arte dei nativi di quel Sud-Ovest nord-americano, nonché ai loro magnifici luoghi.

Rispondi
Exodus 4 Novembre 2011 - 22:50

Però è triste essere ridotti ad attrazione per i turisti. Magari è conveniente, magari è la sola scelta però è triste.

Rispondi
ila 4 Novembre 2011 - 13:41

Queste foto mi fanno tornare alla mente la mia recente vacanza negli States…queste pianure sterminate mosse solo da arbusti quasi secchi, e ogni tanto qua e là qualche roccia. E’ straordinario pensare come questi villaggi siano sopravissuti e continuino a mantenere intatte le lore tradizioni, ed è giusto, da parte di chi ha la fortuna di poterli visitare, rispettare le persone i luoghi affinchè possano condividere con le moderne civiltà un passato così ricco di storia.
PS..per Tiziana: cosa ho sentito??? E’ una notizia straordinaria…dai che questo bellissimo sogno si sta per trasformare in realtà!
Buon fine settimana a tutti….

Rispondi
tiziana 4 Novembre 2011 - 13:12

Monica, proprio stamattina avevo per le mani alcuni pacchetti. Stiamo cercando (sognando) quale potrebbe essere la nostra vacanza per il prossimo anno e devo dirti che il continente americano ci attrae sempre molto. Tutto ci attira, da nord all’estremo sud, non sappiamo cosa scegliere, forse rimarrà solamente un sogno. Bacio

Rispondi
Ambra 4 Novembre 2011 - 12:22

Da come appare dalle foto e dalla tua descrizione, dev’essere fantastico.

Rispondi

Lascia un commento