Home » Asia » Filippine » Filippine, meta lowcost per gli amanti della natura selvaggia

Filippine, meta lowcost per gli amanti della natura selvaggia

cabilao
Filippine
Cabilao Island
foto di Allerina & Glen MacLarty

Oggi vi vogliamo parlare di una meta davvero lontana dalle rotte turistiche classiche. Estremamente low cost. Con un mare splendido e spiagge invidiabili. Parchi marini con unicità tutte da scoprire. Fondali magnifici per lo snorkeling e il diving. Grotte e anfratti per gli amanti della speleologia. Una piacevole movida notturna. Una popolazione locale cordiale e calorosa. Parliamo dell’arcipelago delle Filippine, in pieno Oceano Pacifico: 7.000 isole di cui solo 2.000 abitate.

Tutto il resto è natura selvaggia pronta a sorprenderci con le sue bellezze ancora intatte: le grotte di Callao, le cascate di Magdapio, il parco di El Nido, Pandan Island o l’isola di Cabilao. Le spiagge più belle, a oggi, sono Puerto Galera (sull’isola di Mindoro) e Puraran (a Cantaduanes).

 

Filippine
Pandan Island
foto di Lisa de Vreede

La chicca: tra le rapide del fiume Pagsanjan, Francis Ford Coppola ha girato alcune scene di Apocalipse Now.
Come arrivare: non ci sono voli diretti dall’Italia. Per raggiungere Manila (14 ore di volo) dovrete prenotare con  Lufthansa, Air France, Klm, British Airways, Qatar e Cathay Pacific.
Quando andare: da novembre a maggio, durante la stagione secca. Per le immersioni a Palawan, sarebbe preferibile scegliere il trimestre da marzo a maggio.
Per tutte le informazioni relative al viaggio, visitate il sito istituzionale del Dipartimento del Turismo.

POTREBBERO INTERESSARTI...

10 commenti

TuristadiMestiere 25 Luglio 2011 - 17:02

@gio: vero??? P.S. ma non ci posso credere!!! Le conseguenze dello scambio meriterebbero un post a parte!

Rispondi
GIO...ILLUSION 25 Luglio 2011 - 12:28

davvero una meta originale…la chicca di apocalipse merita… PS per quanto riguarda i cd , guarda che non sarebbe la prima volta che capita… ma ormai ci sto attento 🙂

Rispondi
TuristadiMestiere 25 Luglio 2011 - 9:20

@vele: bellissimo poter ascoltare i racconti di tuo padre!!! Allora saprà darti i suggerimenti migliori per scoprire quella bellissima terra!
@roscio: infatti credo che sarebbe un vero toccasana potersi concedere il tempo per ritrovarsi…
@adri: eh lo so. E pure per le calamità naturali, che spesso spaventano i turisti.
@carmine: lo credo anche io!
@sissis: allora non puoi sfuggire alla foto col cartello!!! Bellissima destinazione!!! Scatta tante foto, se dovessi vedere qualcosa di particolare lo postiamo!
@erika: 😀 speriamo!
@tizi: il mio buongiorno anche a te, cara!

Rispondi
tiziana 25 Luglio 2011 - 8:06

Su quella amaca, con una bibita fresca da sorseggiare ti do il mio buon giorno.

Rispondi
Erika 24 Luglio 2011 - 22:25

Bellissima meta, grazie delle dritte e chissà, forse un giorno….,andrò anche lì.

Rispondi
sississima 24 Luglio 2011 - 20:50

Bel posto…io e il mio compagno questa estate abbiamo, finalmente, deciso dove andare in vacanza: Uzbekistan (hai presente Samarcanda, la via della seta…) CIAO SILVIA

Rispondi
Carmine Volpe 24 Luglio 2011 - 16:55

un viaggio lungo ma vale sempre la pena per la destinazione

Rispondi
Adriano Maini 24 Luglio 2011 - 16:08

Importante. Le Filippine vengono ricordate di più per altri fattori, non ultima la seconda guerra mondiale …

Rispondi
Roscio 24 Luglio 2011 - 11:31

Sarà un’esperienza meravigliosa vivere in modo così semplice e “selvaggio”. Ritmi così diversi da quelli a cui siamo abituati che se andassi non tornerei più

Rispondi
Vele Ivy 24 Luglio 2011 - 10:43

Mio papà c’è stato per un mese e mezzo, qualche anno fa, e ancora adesso non ha finito di raccontarmi le cose bellissime che ha visto… mare meraviglioso, ovviamente, e poi tante curiosità culturali, a partire dal cibo, ma anche le canzoni dei gruppi locali, i modi di accogliere i turisti, le lingue parlate, la visione che hanno dell’Occidente… anch’io ci andrò un giorno!

Rispondi

Lascia un commento