Home » Africa » Marocco » People, guerrab a Marrakech.

People, guerrab a Marrakech.

CIMGmarr
Marraketch
foto di turistadimestiere
tutti i diritti sono riservati
Il “guerrab” o portatore d’acqua si incontra facilmente nella piazza di Jemaa el Fna. Indossa abiti tipici, con un coloratissimo cappello. Annuncia la sua presenza con una campanella. A tracolla porta una sacca di pelle di capra nella quale si conserva, fresca, l’acqua che serve, tramite coppette di rame, ai passanti per pochi spiccioli. Se la maggior parte dei turisti rinuncia a dissetarsi presso il guerrab (mentre molti oriundi non disdegnano la sua acqua), non rinuncia a scattare delle belle foto ricordo, ovviamente a pagamento.

POTREBBERO INTERESSARTI...

3 commenti

TuristadiMestiere 31 Gennaio 2011 - 9:44

@costantino: hai detto bene. Per molti versi Marrakech è una città di contraddizioni. Bellissima, forse proprio per questo.
@dony: grazie a te, i tuoi commenti vanno sempre a ripescare tra i ricordi ed è bello che li condivida con noi. P.S. sicuramente sarà tutto pulito prima, ma le tazze non è che possano sterilizzarle dopo ogni uso! E noi non abbiamo gli anticorpi necessari per evitare qualche piccolo “contrattempo”!

Rispondi
dony 30 Gennaio 2011 - 20:56

Eccellente e coloratissima foto!Ma l’ho gia’ detto che adoro gli spettacoli di colore!Sono stata a Marrakech, e ho avuto il piacere di incontrare questa figura da vicino.Tra l’altro ha offerto da bere a me e al resto della comitiva, ma credo che saremmo morti di sete piuttosto che bere da quelle coppette.Magari poi erano anche perfettamente lavate e pulite, ma bere acqua in bottiglia ci pareva decisamente piu’ prudente.La foto di rito invece non è mancata, anche se non ricordo quanto ci abbia spillato il tipo…Si è occupato un mio amico di contrattare il prezzo.Andro’ a ripescare le foto, e a rivivere quella vacanza!Grazie per avermi fatto fare un bel tuffo indietro nel passato!Ti auguro buon inizio settimana!Dony

Rispondi
Costantino 30 Gennaio 2011 - 15:17

Bellissima foto,che raffigura una realtà di confine tra passato e futuro.

Rispondi

Lascia un commento