Home » Europa » Austria » Austria, dormire in un romantico igloo

Austria, dormire in un romantico igloo

ice
Igloo hotel
© tutti i dirtti riservati
foto gentilmente concessa dall’autore zoom images
 
Amate la neve e all’apertura degli impianti sciistici siete in prima fila? Allora non potete perdere l’esperienza di visitare lo Snow Village a Schneedorf, nella valle dell’Oetztal a 2000 metri sulle Alpi del Tirolo. Questo villaggio interamente realizzato di ghiaccio è dotato un lounge bar aperto anche agli sciatori di passaggio dove degustare vin brulè e tè speziati, sdraiati su comode poltrone ghiacciate rivestite da calde e morbide pellicce di pecora.  
La magia, ovviamente, inizia la sera, quando il villaggio si spopola e restano solo gli ospiti che trascorreranno la notte nei 6 igloos (da 4 persone ciascuno) o in una delle 8 romantiche igloo-suites. L’atmosfera di notte si fa irreale: suoni ovattati, ambienti illuminati esclusivamente da candele, soffusa musica lounge, degustazioni di piatti tipici. Sono disponibili due interessanti pacchetti: il “Classic Igloo” prevede il pernottamento nell’igloo da 4 persone ed è comprensivo di aperitivo di benvenuto, cena a base di fonduta di formaggi e colazione l’indomani mattina (109 euro a persona) oppure la “Candlelight night” che prevede il pernottamento nell’igloo-suite, aperitivo di benvenuto, cena a lume di candela, champagne e sessioni nella sauna a un’altitudine tra le più elevate d’Europa (299 euro in due).  Per ulteriori dettagli cliccate qui.

Snow Village a Schneedorf
foto di articroute 

POTREBBERO INTERESSARTI...

4 commenti

Cinthia 6 Marzo 2011 - 20:13

…ne avrei bisogno…

ogni tanto mi “eclisso”, perdona…ho un’animo particolare…un abbraccio, tornerò presto,grazie…

Rispondi
Roberto 8 Novembre 2010 - 11:18

Chissà se esiste una situazione simile in Italia, magari sulle alpi o chissà dove…

Rispondi
TuristadiMestiere 8 Novembre 2010 - 10:55

@roberto: una cena a lume di candela in un ambiente scolpito nel ghiaccio deve essere eccezionale!

Rispondi
Roberto 7 Novembre 2010 - 16:35

Dev’essere un’emozione unica, già mi ci vedo…

Rispondi

Lascia un commento