Home » Italia » Lazio » Diario di viaggio: Itri, tra brigantaggio e devozione religiosa

Diario di viaggio: Itri, tra brigantaggio e devozione religiosa

borgo-medievale-itri-provincia-di-latina

Itri [Photo Credit: Latina mi piace]

A Itri, piccolo borgo in provincia di Latina, è ancora perfettamente conservata la struttura medievale arroccata attorno a un castello, costruito tra il X e l’XI secolo. Situato a metà strada tra Napoli e Roma, il borgo deve la sua notorietà a Michele Arcangelo Pezza, meglio conosciuto come Frà Diavolo (appellativo datogli da un maestro, esasperato dalla vivacità di questo bambino, vestito sempre con un saio per una grazia ricevuta dalla madre).
Il giovane Michele, coinvolto in una rissa durante la quale morirono due persone, per ottenere la grazia (un’altra, ma di diversa natura) fu costretto ad arruolarsi nell’esercito borbonico al servizio di Ferdinando IV.
Qui si distinse per il ruolo di capopopolo nella strenua difesa del suo territorio contro l’avanzata francese. Nel 1798 riuscì persino a fermare l’esercito nella gola di Sant’Andrea (tra Itri e Fondi), costituendo un vero e proprio problema per i successivi dieci anni poiché sembrava imprendibile.
Quando fu catturato, nonostante le intermediazioni di molti, i francesi non gli diedero l’onore delle armi, e lo impiccarono, a Napoli, in pubblica piazza, perché finalmente tutti sapessero della sua fine.
Ancora oggi la sua figura sfugge a una definizione certa: in bilico tra l’eroe e il brigante, Frà Diavolo alimentò paure, fantasie e passioni.
Oltre alla visita del Castello di Frà Diavolo consiglio anche l’interessantissimo Museo del Brigantaggio (corso Appio Claudio 268) e il Santuario della Madonna della Civita (Patrona della cittadina, festeggiata il 21 luglio), uno dei più antichi d’Italia che custodisce la preziosissima effigie di origine bizantina che la leggenda vuole sfuggita alla furia iconoclasta grazie all’intervento di due monaci, gettati in mare in una cassa.
Dopo 54 giorni in mare, i due approdarono sani e salvi sulla costa di Messina. Alla Madonna della Civita sono attribuiti diversi miracoli che rendono il Santuario luogo di devoto pellegrinaggio. A Itri ha luogo dal 1985, in occasione del Corpus Domini, la famosa Infiorata. Grandi quadri a sfondo religioso realizzati con i petali colorati di fiori raccolti per l’occasione. Per approfondimenti: www.itri.it e www.fradiavoloitri.org.

POTREBBERO INTERESSARTI...

Lascia un commento