Home » Europa » Olanda » Roermond: il cimitero dove l’Amore trionfa sulla Morte

Roermond: il cimitero dove l’Amore trionfa sulla Morte

Roermond Cemetery Holland

Un esempio dell’Amore indissolubile, oltre la vita. Ci troviamo a Roermond (provincia di Limburgo, Olanda) e quelle che vedete nella foto di copertina sono le tombe di marito e moglie: lei cattolica e lui protestante.

Come restare uniti anche dopo la morte, visto che non potevano essere seppelliti insieme? Scegliendo un angolino in cui i due cimiteri avevano una parete in comune così da essere vicini. Ma non basta. L’amore si nutre di contatto. E quelle mani che si intrecciano oltre il muro raccontano di un’affinità elettiva lunga 38 anni che la morte non ha spezzato. Non date per scontato questo gesto. All’epoca, in Olanda come in Belgio, vigeva la “pilastrizzazione”: i cittadini erano rigidamente divisi secondo appartenenze politiche e religiose e ciascuna aveva le proprie istituzioni (scuole, giornali, partiti politici, ospedali). Era un ordine sociale che garantiva il diritto di ciascun cittadino di manifestare il proprio pensiero e il proprio credo nella tolleranza reciproca ma paradossalmente, in alcuni periodi, significò una divisione tra pilastri diversi. Il colonnello JWC van Gorcum sposò la donna della sua vita nel 1842 e morì nel 1880. Venne ovviamente seppellito nella zona protestante ma quando morì anche lei, otto anni dopo, rifiutò la tomba di famiglia e volle affermare quel legame, a dispetto di qualunque pilastro. Quella tomba è monito e insieme una speranza. Se passate da Roermond, fateci un salto!

Sito ufficiale: Het Oude Kerkhof

Indirizzo: Weg langs het Kerkhof (anche il nome della via è poetico: La strada del passato).

Orari: dalle 8 al tramonto.

Come arrivare: con il bus n. 2 dalla stazione degli autobus oppure con i bus della linea regionale n.79 e n. 80

POTREBBERO INTERESSARTI...

2 commenti

Federica 13 Febbraio 2014 - 10:14

ma che bella storia!

Rispondi
Mauro 10 Febbraio 2014 - 16:07

Veramente “Weg langs het Kerkhof” significa “Via lungo il cimitero”…
Saluti,
Mauro.

Rispondi

Lascia un commento