Home » Italia » Valle d'Aosta » Valle d’Aosta: enoturismo in bici!

Valle d’Aosta: enoturismo in bici!

Castello Aymavilles
La Valle d’Aosta offre da sempre al turista la possibilità di fare sport durante tutto l’anno grazie alle Alpi – tra le quali svetta il magnifico Monte Bianco (4810 metri!).

Da tempo sta svolgendo anche una campagna di valorizzazione e promozione dei prodotti tipici e di alta qualità del proprio territorio per diversificare le forme di turismo e aumentare il proprio bacino di utenti, utilizzando una formula vincente: divertimento nel pieno rispetto della natura!
Les Cretes di Charrère

Les Cretes di Charrère – foto di Fabio Ingrosso

L’idea, assolutamente originale, alla portata di tutti (sia economicamente, che fisicamente!), spassosa ma soprattutto gustosa, consiste nella realizzazione di sei tour in biciclettaa pedalata assistita tra vigneti, castelli e cantine nei territori della conca di Aosta.
Vigneti valdostani

Vigneti valdostani foto | mat56

 
La Cave des Onze Communes di Aymavilles ha ideato questi percorsi per consentire al visitatore di immergersi nei magnifici paesaggi della Valle d’Aosta mostrandogli i vitigni dello chardonnay, pinot noit, fumin, petit arvine, cornalin, torrette dai quali hanno origine 13 magnifici vini D.O.C. della Valle d’Aosta come lo Chardonnay, il Gamay e il Torrette.
 
Castello di Aymavilles

Castello di Aymavilles foto | Maria Grazia Schiapparelli 

Come dicevamo, i tour sono alla portata di tutti: per i meno allenati, consigliamo i percorsi brevi che faranno scoprire lo Chardonnay delle vigne del Castello di Aymavilles e del Torrette, dove natura, storia ed architettura si fondono in un connubio perfetto.
Infatti oltre al Castello, ad Aymavilles potrete ammirare uno dei ponti acquedotto romano più importanti e ben conservati: il Ponte d’Aël, una tappa davvero obbligata!
Consigliamo di visitare il passaggio coperto del ponte,  molto suggestivo con le finestre sul lato destro che fanno rimbalzare la luce sul muro di fronte creando un’illuminazione perfetta: nulla da invidiare alla moderna illuminotecnica!
 
Pont d'Aël

Pont d’Aël foto | Maria Grazia Schiapparelli

Acquedotto romano

Acquedotto romano foto | jayne 

 
Quelli più allenati, potranno affrontare i percorsi più impegnativi che li porteranno a spingersi fino a Jovençan, al “Centre d’études Les Anciens Remèdes” dove scopriranno come vengono utilizzate le erbe officinali e tutti i loro segreti! Ovviamente, dopo aver pedalato per ore tra un vigneto e l’altro è d’uopo, vista la fatica, una degustazione in una delle 220 “soci conferiti” disseminati sui 57 ettari di 11 comuni della regione che producono circa 350.000 bottiglie di vino l’anno!
 
Vigneti in bici

Vigneti in bici foto | Stefano Girolimetto

In bici sulla montagna!

In bici sulla montagna! foto | Dedolo

 
Non vi resta che recarvi a Cave des Onze Communes, prendere possesso della bicicletta a pedalata assistita, messa a vostra disposizione gratuitamente, scegliere l’vostro itinerario in base all’allenamento, controllare che la batteria sia carica, premere il pulsante ON/OFF, impostare la potenza del motore con il tasto MODE e via… SI PARTE!!!
 
Info: Cave des Onze Communes
Loc Urbains 3 Aymavilles (Aosta)
Tel. +39 0165 902912
Mail: info@caveonzecommunes.it
Articolo redatto da Cinzia A.C.

 

POTREBBERO INTERESSARTI...

Lascia un commento