Home » Europa » Francia » Corsica: tour tra i siti megalitici Unesco

Corsica: tour tra i siti megalitici Unesco

Itinerario tra i siti megalitici della Corsica

filitosa corsica
Sartene-Corsica

Sartene | foto di Marcella Gab via flickr

Avete pensato mai di trascorrere le vostre Vacanze di Natale in Corsica? Abbandonate il luogo comune di approdare sulle isole solo d’estate!

Capovolgete il punto di vista e scopritele quando a farla da padroni sono il mare, il vento, il silenzio, la gente del posto!

Questo itinerario, poi, vi porterà alla scoperta di siti megalitici della Corsica inseriti dall’Unesco nel patrimonio dell’umanità!

Itinerario verso sud

Mettete piede sul suolo corso e dirigetevi verso sud, costeggiando il mare ma, perché no, addentratevi nell’entroterra, dove pulsa il cuore insulare, quello legato alle tradizioni e alle proprie radici.

Una cittadina che risponde a queste caratteristiche (tanto che lo scrittore francese Mérimée la definì “la più còrsa delle città còrse”) è indubbiamente Sartène.

Appollaiata su uno sperone roccioso, la cittadina ha preservato un intatto impianto medievale in granito grigio che la rendono incredibilmente suggestiva già solo al primo sguardo.

Eretta dai genovesi, Sartène è un vero gioiello da visitare con la voglia di smarrirsi nel dedalo di vicoli che la caratterizzano.

Consigliamo caldamente una tappa nel Museo della Preistoria e dell’Archeologia dove potrete ammirare circa 250.000 pezzi che raccontano la storia della valle del Rizzanese e un curioso giro fra i negozietti di artigianato locale.

Cauria-Corsica

I megaliti di Cauria | foto massimo.bottelli via flickr

Dolmen-di-Fontanaccia-corsica

Dolmen di Fontanaccia | foto massimo.bottelli via flickr

La cittadina può essere infatti un ottimo punto di partenza per delle piacevoli escursioni, a sud, verso i megaliti di Cauria: un antichissimo sito riconosciuto dall’Unesco in cui insistono dolmen e menhir utilizzati per le celebrazioni di riti funebri e dal forte valore spirituale.

I megaliti di Cauria sono dislocati in 4 aree molto vicine tra loro: il Dolmen di Fontanaccia, i Menhir di Stantari, i Menhir di Renaggiu e i Menhir di Palaggiu.

Ponte-Spin-a-cavallu-corsica

Ponte Spin’a cavallu | foto norac6 via flickr

A 7 chilometri da Sartène, in direzione di Tizzano, onorate di uno scatto (o forse più?) il ponte Spin’a Cavallu che attraversa il placido fiume Rizzanese. Il ponte, edificato dai genovesi (di nuovo!) nel XIII secolo, è un monumento storico dal 1992 e merita almeno qualche minuto del vostro tempo.

Percorribile a piedi, oggi non collega più alcuna strada.

Sempre a sud, a circa 22 chilometri, non potete non vedere il Capo di Roccapina, dove la conformazione rocciosa in granito rosa vi lascerà letteralmente a bocca aperta, in qualunque ora della giornata arriviate.

Dalla sommità più elevata, oltre a godere di un panorama spettacolare sull’omonima Cala, potrete fotografare il famoso Leone di Roccapina, una sporgenza rocciosa che evoca il fiero felino sdraiato e la Torre genovese.

Capo-Roccapina

Capo Roccapina | foto michelinastreghina via flickr

leone-di-roccapina-corsica

Il leone di Roccapina | foto di alice.d via flickr

Itinerario verso nord

Se, al contrario, vi muovete verso Nord, mentre vi dirigerete verso lo straordinario sito archeologico di Filitosa, tra Sartène e Propriano, provate a individuare due pietre verticali che la leggenda vuole siano un frate e una suora pietrificati da Dio per i loro costumi non proprio irreprensibili.

filitosa-corsica

Il sito megalitico di Filitosa | foto Errol Images Media via flickr

Se non le trovate, chiedete di “U Frati è a Sora“: ve le indicheranno immediatamente!

Dopo questa breve deviazione, giungete alla vera meta del percorso: Filitosa!

Questo sito Unesco è caratterizzato da una serie di circa 1000 dolmen e menhir e fortezze circolari realizzate in pietra a secco. Spettacolare!

Immaginavate un tour del genere in Corsica, senza parlare del mare?

POTREBBERO INTERESSARTI...

5 commenti

PIETRO NATI 13 Luglio 2018 - 17:11

Bravissima, complimenti.

Rispondi
TuristadiMestiere 25 Novembre 2012 - 17:41

@tizi: viaggiare controcorrente secondo me garantisce sorprese meravigliose!
@adri: appunto, impossibile non dirlo!
@wiska: io già scalpito!!!

Rispondi
wiska 18 Novembre 2012 - 22:34

Foto bellissime e posti stupendi, grazie e speriamo di andarci al più presto.
Un caro saluto

Rispondi
Adriano Maini 18 Novembre 2012 - 21:16

Come non esclamare, a questo punto, “magnifica, la Corsica!”?

Rispondi
Tiziana Bergantin 18 Novembre 2012 - 10:27

Infatti in inverno quando penso a dove mi piacerebbe andare, il mio desiderio mi porterebbe in luoghi come questi. D’estate preferisco le mete più a nord. Che bella Sartene.

Rispondi

Lascia un commento