Home » Italia » Friuli Venezia Giulia » Sagrado, visita al primo parco letterario italiano dedicato a Ungaretti

Sagrado, visita al primo parco letterario italiano dedicato a Ungaretti

autunno
Il 25 dicembre del 1915 Giuseppe Ungaretti si trova sul Carso, sul Monte San Michele. In trincea. Trascorse “quella notte coricato nel fango, in faccia al nemico che stava più in alto di noi ed era cento volte meglio armato di noi“. Nasce sull’onda delle emozioni, della paura, delle domande senza risposta la sua raccolta “Il Porto Sepolto”, un anno di poesie scritte su foglietti di fortuna, a margine di giornali e cartoline.

 

parco letterario italiano dedicato a Ungaretti
credits Mario Pierro
 © tutti i diritti sono riservati all’autore
foto gentilmente concessa dall’Associazione Amici di Castelnuovo

 

Una raccolta affidata, per paura di morire in battaglia, all’amico Ettore Serra che, affascinato dalle bellezza delle liriche, la fece stampare in 80 copie da una copisteria di Udine nel 1916. Oggi, per scoprire i luoghi in cui il 27enne poeta produsse Il Porto Sepolto, si deve passeggiare lungo i percorsi del primo parco letterario d’Italia, il Parco Ungaretti nella tenuta di Castelvecchio in Sagrado. Qui, l’architetto Paolo Bornello ha creato tre aree la Torre, il Recinto Sacro e il Sacrario con materiali che bene interloquiscono con il territorio, senza alterarne l’atmosfera di silenziosa quiete, e con le 10 poesie di Ungaretti (Il Porto Sepolto, Tramonto, Fratelli, Veglia, Stasera, Sono una creatura, C’era una volta, I fiumi, San Martino del Carso e Commiato).

 

parco letterario italiano dedicato a Ungaretti
credits Mario Pierro
© tutti i diritti sono riservati all’autore
foto gentilmente concessa dall’Associazione Amici di Castelnuovo

 

Con l’occasione, si può ammirare la bella Villa Della Torre-Hohenlohe e soprattutto i graffiti di recente recupero sotto l’intonaco del Salone principale: drammatica e commovente testimonianza dei soldati che hanno voluto lasciare una traccia del loro passaggio, tramandando nomi e cognomi, luoghi e date di nascita, i reparti di appartenenza. I loro stati d’animo.
parco letterario italiano dedicato a Ungaretti
credits Mario Pierro
© tutti i diritti sono riservati all’autore
foto gentilmente concessa dall’Associazione Amici di Castelnuovo

Indirizzo: Parco Ungaretti, via Castelnuovo 2, Sagrado (Go)

Recapiti telefonici:  0481/99742
Orari: dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 18 (per gruppi superiori a 5 persone e su specifica richiesta, il Parco viene aperto anche nel fine settimana)
Prezzi: ingresso libero

POTREBBERO INTERESSARTI...

12 commenti

TuristadiMestiere 18 Maggio 2011 - 13:40

@adri: si impara ad apprezzare alcuni poeti solo quando la scuola è finita, ma ricordo che già all’epoca mi piacque moltissimo “Soldati”…
@tomaso: grazie!
@dony: anche secondo me il binomio poesie/parco è molto indovinato. Un modo doverso per rispolverare le nostre conoscenze di storia e letteratura all’aria aperta!
@francesco: e ti pare poco! 😉
@ema: sempre gentile…come sempre!
@marap: infatti, ce ne fossero si più…

Rispondi
Maraptica 16 Maggio 2011 - 21:21

Ungaretti era uno dei pochi che a scuola non mi dispiaceva 🙂 Che bella inziativa

Rispondi
Emanuele Secco 16 Maggio 2011 - 21:10

Molto interessante come sempre :-)E.

Rispondi
Francesco Zaffuto 16 Maggio 2011 - 20:26

Ungaretti ci teneva al Nobel, mi pare che ci rimase un po’ male quando lo ebbero Quasimodo e Montale; oggi direbbe “… e io meglio, ho il Parco…”
ciao

Rispondi
dony 16 Maggio 2011 - 18:37

Da trincea di guerra a parco ricco di bellezza, pace, storia, cultura…Ho visto le foto, deve essere un’esperienza indimenticabile ritrovarsi a passeggiare tra quei vigneti, oltretutto con l’opportunita’ di conoscere meglio le opere di un poeta che, causa interruzione prematura dei miei studi classici, non ho mai approfondito a dovere…Direi che questo sarebbe un buon incentivo per colmare le mie lacune!Buon inizio settimana!Dony

Rispondi
Tomaso 16 Maggio 2011 - 15:39

Passare da te sicuramente non ci si annoia,interessante cara Turista.Tomaso

Rispondi
Adriano Maini 16 Maggio 2011 - 14:53

Iniziativa magnifica non solo perché Ungaretti lo si sente a pelle che era un grande poeta, ma anche in quanto in sintonia con le sue prime poesie così si manifesta amore l’umanità e per la pace!

Rispondi
TuristadiMestiere 16 Maggio 2011 - 14:48

@tizi: arrivooooooooooooooo! Chissà che premiuccio sarà! 😛

Rispondi
tiziana 16 Maggio 2011 - 14:33

…scusami ancora…ma avrei un ultimo pensierino per te…no ti prego…non tirarlo…pfui per fortuna non mi hai presa. Ti prometto che è l’ultimo (per ora)

Rispondi
TuristadiMestiere 16 Maggio 2011 - 14:25

@lastanza: anche secondo me si tratta di un’iniziativa interessante, sia perché coniuga una bella passeggiata, all’arte, alla letteratura e alla nostra storia recente…
@tizi: SEMPRE!!!

Rispondi
tiziana 16 Maggio 2011 - 13:54

La cultura merita sempre di essere riconosciuta.

Rispondi
la stanza in fondo agli occhi 16 Maggio 2011 - 12:54

Ungaretti è un poeta difficile eppure anche istintivamente a volte si sente cosa vibra nei suoi versi. Penso che l’idea del parco sia molto buona.

Rispondi

Lascia un commento