Home » Asia » Brunei » Kampong Ayer, il villaggio galleggiante nel Brunei

Kampong Ayer, il villaggio galleggiante nel Brunei

kampong ayer brunei floating village

Kampong Ayer è un insieme di antichi micro-villaggi su palafitte ubicati nel fiume Brunei nella baia su cui si affaccia la capitale del Sultanato del Brunei, Bandar Seri Begawan.

I collegamenti tra Kampong Ayer e la capitale sono garantiti da un lunghissimo ponte che attraversa tutta la laguna artificiale. In lontananza, l’insediamento sembra letteralmente galleggiare tanto da essere spesso definito il “Villaggio sull’acqua”. Antonio Pigafetta, noto viaggiatore del XVI sec, la definì addirittura “la Venezia dell’Est”. Se si va nel Sultanato, quindi, una visita è d’obbligo!

 

Kampong Ayer

Kampong Ayer – foto | Romeo Heger gentilmente concessa dall’autore

Il villaggio è composto da circa 4200 costruzioni in legno, tutte su palafitta. Qui gli abitanti hanno, oltre alla casa, tutti i servizi immaginabili: ospedali, scuole, moschee, negozi, ristoranti, rete wifi, distributori di benzina e tanto altro. Il luogo comune delle città galleggianti pericolanti o decrepite non deve trarre in inganno: le case sono veramente carine (alcune addirittura distribuite su due piani, con tutti i comfort), colorate, con le verande in fiore e collegate le une alle altre da un fitto reticolo di passerelle lungo circa 40km! L’investimento nel recupero e valorizzazione di Kampong Ayer è stato importante perché nel Sultanato non si intendeva disperdere il valore – dal punto di vista turistico e culturale – del più grande villaggio d’acqua del mondo!

Moschea  di Kampong Ayer

Moschea  di Kampong Ayer- foto | Romeo Heger gentilmente concessa dall’autore

Per visitare Kampong Ayer potete scegliere di percorrere a piedi il lunghissimo intreccio di passerelle, oppure di prendere i “water taxi”, imbarcazioni gialle che utilizzano anche gli abitanti per muoversi da una palafitta all’altra o per raggiungere i vari punti della città.
Se volete fare il tour guidato di Kampong Ayer utilizzate questi taxi d’acqua: dura un’ora e costa circa 20€ (provate a trattare sul prezzo, è un’abitudine da non perdere in queste zone)!
Dalla barca, potrete apprezzare questo pittoresco villaggio galleggiante e ammirare lo skyline di Bandar Seri Begawan con la maestosa cupola d’oro puro (alta 52 m) della moschea Sultan Omar Ali Saifuddin progettata dall’architetto italiano Rodolfo Nolli o l’Istana Nurul Iman, la sontuosa reggia del Sultano.
Il Sultanato del Brunei è una meta che vi farà scoprire tesori di inestimabile bellezza, nonostante le dimensioni ridotte. Dovrete osservare e rispettare gli usi e costumi e le regole ferree della legge islamica (nessun consumo di alcol e  fumo in pubblico durante il Ramadan o ricorrenze particolari), ma ne varrà assolutamente la pena.
 
La chicca:
Nei tre giorni successivi al Ramadan, il palazzo residenziale del Sultano viene aperto al pubblico per un banchetto luculliano. Se vi trovate lì, approfittatene per entrare nella reggia più sontuosa al mondo: pensate che il suo valore si aggira introno ai  600 milioni di dollari!
 
Dove: Kampong Ayer, Bandar Seri Begawan, Sultanato del Brunei
Come arrivare:prendere un volo da Milano o Roma per Kuala Lumpur. Da Kuala Lumpur un volo della compagnia low cost Air Asia.

Info sul Brunei: Per affrontare il viaggio in sicurezza e ottenere notizie utili  e in tempo aggiornato sul paese, consultate il sito di Viaggiare sicuri.

Articolo redatto da Cinzia A.C.

Lascia un commento