Home » Curiosità » Tripadvisor: gli albergatori chiedono più trasparenza

Tripadvisor: gli albergatori chiedono più trasparenza

val

 

foto di V__ tratta da http://www.flickr.com/photos/v_/
TripAdvisor da diversi mesi  è sotto la lente di ingrandimento delle Associazioni degli Albergatori (italiane e straniere) a causa delle recensioni che compaiono sul sito. Secondo queste Associazioni TripAdvisor, nato da un’idea lodevole (fornire al viaggiatore un archivio di notizie, informazioni e foto a cui attingere prima di effettuare una prenotazione),  rischia di diventare una specie di boomerang sia per il settore alberghiero che per gli stessi utenti. Le Associazioni lamentano l’assenza di un sistema trasparente di conferimento del voto.
In buona sostanza si teme che l’anonimato consentito all’utente che recensisce la struttura, rappresenti un sistema per mascherare forme di voto non regolari. A parte il rischio di recensioni scritte da chi nella struttura non è mai andato, si paventa la vendita (ben più grave) di “pacchetti di voto” a opera di società specializzate, che consentirebbero ad alcune strutture di apparire migliori grazie a recensioni fittizie. Le Associazioni reclamano pertanto una regolamentazione che preveda almeno la registrazione dell’utente sul sito per monitorarne l’attività. Se fosse tutto vero, il boomerang investirebbe anche gli ignari viaggiatori alla ricerca, sul sito, di indicazioni utili e attendibili per la prenotazione della struttura dove alloggiare o del ristorante dove andare a mangiare. Dall’estero arrivano accuse più dirette a TripAdvisor da quando si è scoperto che farebbe capo a un colosso che detiene anche Expedia e Hotels.com. Seguiremo gli sviluppi della vicenda.

POTREBBERO INTERESSARTI...

Lascia un commento